I giorni fertili ed il metodo del calendario

I ragionamenti che si possono fare sul calendario sono spesso approssimativi e frutto di troppi compromessi di calcolo per potersi adattare a tutte le donne; affiancare invece questo approccio agli altri metodi (muco cervicale e temperatura basale su tutti) può permettere una più corretta previsione dei giorni fertili.

Raccomando quindi di usare il seguente calcolatore come indicazione di massima, ma ricordo che una delle strategie più proficue per cercare di rimanere incinta è avere 3-4 rapporti alla settimana indipendentemente da calcoli o previsioni.

Istruzioni

  1. Inserire nelle caselle di testo le date degli ultimi due flussi mestruali (il giorno di inizio) e, per una maggior precisione, inserire anche le date di inizio dei precedenti 4 cicli mestruali (cliccando su "Aggiungi Data" per far comparire le altre caselle di testo).
  2. Cliccare su "Clicca qui per trovare i prossimi giorni fertili".
  3. Ad ogni data (prima colonna) viene associata una probabilità percentuale relativa che il giorno sia fertile, si sottolinea tuttavia che si dà per scontata una fase luteale di 14 giorni (e non per tutte le donne è così).
  1. Data:
  2. Data:
  3. Aggiungi data


Clicca qui per trovare i prossimi giorni fertili

Che cos’è il periodo fertile?

Una buona definizione di periodo fertile è quella di intervallo di sei giorni che terminano con il giorno dell’ovulazione.

Più nel dettaglio, i rapporti hanno la massima probabilità di trasformarsi in concepimento se si verificano nell’intervallo di tre giorni che termina con quello dell’ovulazione, questo è stato dimostrato nel 1995 da un interessante studio (Timing of Sexual Intercourse in Relation to Ovulation) che ha coinvolto 221 donne presumibilmente fertili: la fecondabilità massima è stata osservata nei rapporti che si sono verificati entro 2 giorni dall’ovulazione.

Una seconda ricerca (Changes with age in the level and duration of fertility in the menstrual cycle) su 770 coppie che usavano i metodi naturali è giunta alla stessa conclusione, per quanto concerne la relazione tra il momento del rapporto e la probabilità di concepimento. Nel corso dell’intervallo di osservazione, 647 coppie hanno avuto rapporti almeno una volta nella finestra fertile di 10 giorni e sono state registrate 433 gravidanze. La maggior parte delle gravidanze ha avuto origine da un rapporto avvenuto nella finestra di 6 giorni dall’ovulazione e la fecondità della donna era massima quando il rapporto è avvenuto nella finestra di 2 giorni dall’ovulazione.

In un terzo studio sui metodi di pianificazione famigliare (Day-specific probabilities of clinical pregnancy based on two studies with imperfect measures of ovulation) i ricercatori hanno combinato i dati ottenuti da due diversi gruppi: il primo usava il controllo della temperatura basale, mentre il secondo usava i test di ovulazione per determinare il momento presunto dell’ovulazione; la conclusione è stata sempre la stessa, i più importanti giorni fertili corrispondevano a due giorni dall’ovulazione e la probabilità di concepimento diminuiva considerevolmente nel giorno della presunta ovulazione.

L’età della donna generalmente non influisce né sulla durata né sul giorno d’inizio del periodo fertile, ma la probabilità di successo diminuisce quando si invecchia.

E’ quindi assolutamente chiaro che avere rapporti nei giorni giusti è fondamentale, ma come fare per individuarli?

Secondo le ricerche più recenti, i giorni fertili possono essere stimati analizzando

Riuscire a predire con ragionevole sicurezza l’ovulazione è molto difficile anche applicando tutti i metodi attualmente a disposizione, quindi per aumentare la probabilità di concepimento un metodo piuttosto sicuro è semplicemente quello di  aumentare la frequenza dei rapporti, già a partire dalla fine del ciclo.

A cura del Dr. Guido Cimurro, autore del libro "Scintilla di Vita - Cercare una gravidanza e rimanere incinta in modo naturale"

Clicca qui per ulteriori informazioni sul libro

Copertina del libro 'Scintilla di Vita'
Dopo aver risposto su FarmacoeCura.it a migliaia di domande su come aumentare la probabilità di rimanere incinta, ho deciso di raccogliere tutto quello che serve conoscere, più qualche consiglio poco conosciuto, in questo libro.

Dove posso comprarlo?

Nel testo non ci sono trucchi segreti, ma finalmente troverai in un'unica fonte, senza più dover saltare da un sito all'altro, la risposta a tutte le tue domande; ti parlerò infatti di
  • Come prepararti ad una gravidanza sicura, per non mettere a rischio la tua salute e quella del tuo cucciolo quando sarai finalmente incinta;
  • Come avviene, in modo molto semplificato, la fecondazione, per farti capire meglio cosa e dove possiamo agire per aumentare le possibilità di gravidanza;
  • Come riconoscere i giorni fertili (non solo muco cervicale e temperatura basale, ma anche tanti altri segnali che il tuo corpo potrebbe manifestare per indicarti quali sono i giorni in cui concentrare i rapporti);
  • Come e quando avere rapporti, cercando di capire in base agli studi scientifici disponibili
    • da quando avere rapporti,
    • ogni quanto avere rapporti,
    • fin quando avere rapporti,
    • in che posizione averli (conta davvero?),
    • l'importanza dei preliminari e delle coccole dopo il rapporto;
  • Come puoi aumentare davvero, dati alla mano, le tue possibilità di diventare mamma modificando il tuo stile di vita (per esempio, lo sapevi che 1-2 bicchieri di latte intero al giorno possono facilitare l'ovulazione?);
  • Cosa puoi fare se soffri di ovaio policistico;
  • Cosa può fare l'uomo per migliorare la qualità dello sperma;
  • Influenzare la scelta della Natura relativamente al sesso del tuo/a bambino/a (è realmente possibile? A mio parere no, ma qualcuno la pensa diversamente);
  • Come capire se sei incinta.
Attenzione, non ti prometto una formula segreta per rimanere incinta al 100%, ma farò il possibile per spiegarti tutto quello che vale davvero la pena conoscere e sapere per non lasciare nulla di intentato per rimanere incinta velocemente e senza farmaci od altre tecniche invasive.

Dove posso comprarlo?

17.086 pensieri su “I giorni fertili ed il metodo del calendario

  1. Anonimo

    Buongiorno dottore una domanda. Sono alla ricerca di una seconda gravidanza. Ieri ho fatto il test clearblue ovulazione ed è uscita faccina fissa. Questo vuol dire che in teoria domani dovrebbe esserci l’ovulazione. Io ho un dubbio dovendo iniziare gli ovuli di progesterone dopo l’ovulazione secondo lei posso iniziare già domani o è meglio aspettare il giorno dopo. Le chiedo questo perché avevo letto che il progesterone può bloccare l’ovulazione. La ringrazio per una sua risposta

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo per motivi di responsabilità non posso suggerire quando usare/iniziare farmaci e non posso che invitarla a fare riferimento alle indicazioni del ginecologo.

  2. Anonimo

    Gentile Dottore le riporto il mio caso. Utilizzando gli stick clearblu digitale avanzato sono risultati tre giorni di fertilità elevata (9 10 11 agosto) e ieri 12 agosto è uscito il picco di fertilità. Il suo calcolatore per questi giorni citati ha dato queste percentuali: 47 per cento il 9, 59 per cento il 10, 46 per cento l 11 e 22 per cento il 12. Vorrei sapere e’ normale avere tre giorni di fertilità elevata e non due come ho letto? Inoltre se il picco di fertilità era ieri fino a oggi occorre avere rapporti per avere maggiore probabilità di rimanere incinta? Io ho avuto un rapporto al giorno con mio marito in questi giorni, ma sta diventando come a prendere una medicina al giorno…. se nei prossimi giorni non avremo rapporti potremmo rischiare di perdere ulteriori probabilità? Un grazie anticipato per le Sue risposte

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sono entrambi approcci che cercano di stimare il periodo fertile (il metodo del calendario in modo molto approssimativo, l’analisi ormonale con gli stick in modo più preciso), ma non dobbiamo dimenticare che i giorni fertili del mese idealmente sono 5, quindi è comunque difficile prevedere esattamente quali siano i due più fertili. Tenga conto, per esempio, che per comodità noi li dividiamo in termini di 24 ore iniziando dal momento giornaliero del test, ma l’ovulazione potrebbe avvenire in un altro momento della giornata, quindi i due giorni più fertili (intesi come 48 ore più fertili del mese) non sono necessariamente sovrapposti ai due giorni da calendario. In altre parole, non sono per esempio necessariamente 9, 10, 11 e 12 agosto, ma magari dalla tarda serata del giorno 8 alla mattina del giorno 12. Non mi focalizzerei quindi troppo sul due o tre giorni, rientra nel novero della variabilità prevista.
      2. È importante che i rapporti non diventino stressanti, se ci sono stati nei giorni in cui i test di ovulazione erano positivi possiamo anche serenamente decidere di lasciar perdere questi ultimi 2-3 giorni.

    • Anonimo

      Grazie Dottore per le Sue spiegazioni molto precise. Quindi se ho capito bene per questo mese nei prossimi giorni la possibilità di rimanere incinta è minima oppure nulla? Visto che i giorni fertili si sono già presentati tra l 8 e il 12 agosto?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Presumibilmente l’ovulazione avverrà tra oggi e domani, quindi sono giorni ancora fertili, ma non è necessario avere rapporti per poter sperare avendone avuti nei giorni precedenti.

    • Anonimo

      Grazie Dottore 😀…. noi ce l l’abbiamo messa tutta. Se son rose fioriranno! Il suo calcolatore è stata una “traccia” utilissima per poter valutare quando cominciare con gli stick visto che non ho un ciclo regolare. Grazie per le Sue preziose spiegazioni anche da parte di mio marito

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Grazie a lei! Nel mio piccolo rimango a disposizione.

    • Anonimo

      Gentile Dottore quest’oggi è tornato il ciclo! Volevo chiederle se può essere sufficiente avere rapporti solo nei giorni fertili indicati dagli stick. Le chiedo questo perché ultimamente viviamo con altre persone, 0diventa quindi molto complicato restare da soli. Per questo avevo pensato agli stick proprio per “beccare” il giorno giusto e allo stesso tempo non trasformare questo nostro desiderio di avere un figlio in un momento di stress come nel film di Carlo verdone tra fosca e Furio!!!!!! Un grazie anticipato per la sua risposta

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Ovviamente non è l’ideale, ma può comunque essere sufficiente.

    • Anonimo

      Quindi è il caso di considerare anche le percentuali più basse segnalate dal metodo del calendario? Noi così abbiamo fatto in precedenza con avvenuta gravidanza. Stavolta abbiamo pensato agli stick perché come Le ho detto purtroppo per ora non ci è possibile vivere da soli… Grazie

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      L’ideale sarebbe 3-4 rapporti alla settimana senza calcoli, ma nel suo caso affidarsi agli Stick può comunque essere sufficiente. Ogni rapporto in più, poi, tanto meglio.

    • Anonimo

      Grazie anche da parte di mio marito

  3. Anonimo

    Buongiorno dottore volevo chiedere durante la seconda gravidanza ho avuto il diabete gestazionale o partorito da 2 settimane e volevo sapere come deve essere la glicemia a digiuno dopo pranzo e dopo cena . A digiuno ho 86-89 e dopo aver mangiato il dolce e della anguria ho la glicemia a 146 dopo un ora è normale oppure no??? Grazie

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Ultima parola al medico, ma mi sembrano valori buoni.

  4. Gaia

    Gentile dottore, dopo il capo parto, quando torna regolare il ciclo? Sono a 10 giorni di “ritardo” e ancora nulla.. ho partorito da 13 mesi! Grazie

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Difficile fare previsioni, non sarà necessariamente regolare da subito, soprattutto se allatta; se ci sono stati rapporti non protetti è comunque consigliabile un test di gravidanza.

    • Anonimo

      Ho smesso di allattare da giorni, il capoparto l’ho avuto il 5 luglio mentre ancora allattavo ma via via stavo riducendo. Ho avuto un solo rapporto il 14 luglio poi stop.
      Assumo kirocomplex da metà giugno..

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Un ritardo è assolutamente normale, ma un test a mio avviso va fatto.

  5. Laura

    Buongiorno dottore ciclo regolare …ultimo ciclo il 29 luglio giorno 11 e 16 rapporto completo lei cosa ne dice porre essere incinta?grazie

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Quando si hanno rapporti non protetti è sempre possibile rimanere incinta.

  6. Chiara

    Buongiorno Dottore,
    Ho fatto la curva insulinemica per la fecondazione…vorrei avere un suo parere circa l’esito:

    CURVA INSULINICA
    dopo carico di glucosio di gr
    Tempi 0-180′ ogni 30′

    Insulina 0′ 6.4
    valori rif. 2.0-30.0
    +30′ 66.9
    +60′ 126.9
    +90′ 83.6
    +120 79.8
    +180 10.3

    • Chiara

      Carico di glucosio di 75gr

    • Chiara

      CURVA GLICEMICA dopo carico di glucosio 75gr
      Tempi 0′-180′ ogni 30′

      Glicemia 0′ 0.79 valori rif. 0.6-1.10
      +30′ 1.47
      +60′ 1.34
      +90′ 0.93
      +120′ 1.02
      +180′ 0.53

      GLICOSURIA +120′ 3.0

      PUÒ DIRMI CORTESEMENTE IL SUO PARERE CIRCA L’ESITO DELLE 2 CURVE?
      GRAZIE

    • Chiara

      Siccome ho entrambe le ovaie micropolicistiche la ginecologa ha insistito per fare entrambe le curve…anche se a suo dire quella che le interessa di più è quella insulinemica…secondo lei i valori di insulina come sono?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che va un po’ al di là delle mie competenze, la curva insulinemica non è perfetta, ma non mi sembra drammatica.

      Che unità di misura è riportata per la curva glicemica?

    • Chiara

      In effetti la ginecologa sospettava ci fosse qualche imperfezione dell’insulina, dovuta alle ovaie micropolicistiche

    • Chiara

      g/l e’ l’unità di misura della curva glicemica

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      La curva glicemica sembra buona… si sentiva bene a 180 minuti? Senso di svenimento? Confusione?

    • Chiara

      No purtroppo …finito mi sono sentita male…giramenti di testa e debolezza alle gambe, non mi reggevo in piedi…questo malessere Poi è passato dopo parecchie ore…rientrata a casa ho pranzato e mi sono coricata …mi sono ripresa in serata…come mai mi ha chiesto questo? I sintomi che ho avuto dopo i 180′ non sono normali?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono tutti sintomi dovuti ad un principio di ipoglicemia (0.53 è un valore piuttosto basso) e per questo mi è venuto il dubbio; dalla curca insulinemica non si sarebbe detto, ma è comunque indicazione del fatto che il metabolismo degli zuccheri non è impeccabile.

      In parole molto semplici, lei ha assunto zuccheri semplici che sono stati assorbiti rapidamente, il suo corpo ha iniziato a produrre insulina per gestirli ed è riuscito a farlo abbastanza bene, ma in un secondo momento l’insulina in circolo era un pochino troppa e così la quantità di zuccheri in circolo è scesa troppo.

      Faccia presente anche questi sintomi alla ginecologa, sono utili alla valutazione; nel frattempo inizi a sospendere i dolci e lo zucchero semplice se ancora non l’avesse fatto e passi a pane/pasta/riso integrali.

    • Chiara

      Sinceramente gli esami li ho ritirati oggi e io neanche ho compreso questa situazione, per cui lei è il primo a cui li ho fatti vedere…dalla ginecologa ho appuntamento i primi di settembre…è il caso di farli vedere 1a al medico di base o qualcun’altro?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Se vedesse il curante per altri motivi può iniziare a sottoporglieli, altrimenti a mio avviso può tranquillamente attendere la visita programmata. Come anticipato all’inizio, pur con tutti i limiti delle mie competenze, non sembra nulla di drammatico o urgente.

    • Chiara

      Poi ho fatto degli esami delle malattie immunitarie…tutto negativo…tranne questo valore:
      ANTICARDIOLIPINA IGG 2.8 unità di misura CU <20
      ANTICARDIOLIPINA IGM 2.9 CU <20

    • Chiara

      Premetto che ho la mutazione eterozigote MTHFR C677T e MTHFR A1298C

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Essendo i due valori inferiori al valore di riferimento sono negativi (cioè normali).

    • Chiara

      Ok la ringrazio

    • Chiara

      Buongiorno dottore, ho fatto la visita con la ginecologa e ha confermato quanto mi ha detto lei già 1a…Mi ha detto che ho l’iper insulina…Mi ha dato una dieta e mi ha prescritto degli integratori

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Grazie mille per l’aggiornamento; segua con fiducia le indicazioni che le ha dato la specialista, a mio avviso è una situazione assolutamente rimediabile.

    • Chiara

      Speriamo, ha detto che non mi dà la pastiglia perché fa degli effetti collaterali.

      Ora la cosa che più mi preoccupa per la strada che abbiamo intrapreso, la fecondazione omologa, è l’FSH di mio marito.
      Nel 2017 aveva l’FSH a 24 5…facemmo 2 transfer di ICSI andati male…da premettere che non considerarono la mia iper insulinemia non facendomi fare le relative curve…forse sarà andata male anche per questo? Boh

    • Chiara

      Ora abbiamo ripetuto gli stessi esami ….E a distanza di 2 anni L’FSH di mio marito è aumentato…da 24.5 del 2017 ora ha 30.99

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      È stato effettuato anche un nuovo esame dello sperma? Novità in questo senso?

    • Chiara

      Si certo…l’esito è quasi sempre quello…ologospermia…Che 1a era server a…Ora hanno scritto estrema

    • Chiara

      Oligospermia

    • Chiara

      Un fsh così alto cosa comporta per lui? E il problema è che nel tempo sta pure aumentando

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Più che l’FSH in sé è questo a mio avviso il risvolto più preoccupante (severa -> estrema); il peggioramento dell’FSH si traduce in un peggioramento della fertilità (magari correlato anche ad altri fattori).

    • Chiara

      Eh sì inevitabilmente la situazione è ancora più compromessa…ho letto su internet che nonostante le condizioni tanto drammatiche quanto la nostra qualcuna comunque è riuscita a rimanere incinta…vedremo cosa ci consiglierà la ginecologa

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, non dobbiamo perdere le speranze perché non è impossibile, ma certamente dobbiamo rimanere con i piedi per terra.

      Se mi tiene al corrente mi fa piacere e, nel mio piccolo (la situazione è probabilmente al di là delle mie competenze), rimango a disposizione.

    • Chiara

      La ringrazio tanto per il supporto e la disponibilità..le farò sicuramente sapere. Grazie ancora

    • Chiara

      Salve dottore, la ginecologa mi ha dato la dieta delle donne in gravidanza…per via dell’insulina alta ..ma la pasta quante volte a settimana posso mangiarla? Anche lei mi ha detto integrale

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi sento di rispondere in modo perentorio per questioni di responsabilità, anche perché ci sono visioni differenti su questo aspetto a seconda della persona con cui ci confronta.

      Con tutti i limiti delle mie competenze, abbraccio una visione che prevede che alla base della dieta ci siano (dopo frutta e verdura) i cereali integrali e i legumi. Ad ogni pasto, quindi, dovrebbero essere consumati cereali integrali, variando di volta in volta la tipologia per ragioni di variabilità nutrizionale e di piacere/gusti personali. In cosa consistono esattamente? Principalmente pane, pasta e riso, altri cereali (orzo, farro, avena per esempio) e pseudocereali (come la quinoa). Tendenzialmente la pasta è preferibile al pane, perché viene digerita più lentamente (il pane di segale è una buona alternativa eventualmente).

      Quante volte alla settimana? Anche spesso, a patto di rimanere su varietà integrali di buona qualità, cotte al dente (si riduce ulteriormente l’impatto sulla glicemia).

      Un’ultima curiosità: la pasta lasciata raffreddare va incontro a modificazioni chimiche che portano alla formazione di amido indigeribile, abbassando ulteriormente l’impatto sulla glicemia (pensiamo quindi alle insalate di pasta).

      Mi raccomando la verdura, che come dicevamo all’inizio è alla base di ogni pasto (idealmente se immaginiamo il pasto come un piatto unico, la verdura deve occupare circa metà piatto). L’aumenti però gradualmente, per non incorrere in fastidi intestinali.

    • Chiara

      E i latticini?
      La pasta 80gr? Come posso condirla? Per esempio a pranzo dovrei mangiare solo 80gr di pasta? Oppure pasta e come secondo verdura?

    • Chiara

      Mi scusi le tante domande ma finora non mi ponevo alcun problema nel mangiare…tipo la pastina col formaggino…che a me piace molto, posso mangiarla?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi mette in difficoltà, perché non vorrei in alcun modo darle indicazioni diverse da quelle che aveva in mente la specialista; cosa le ha scritto esattamente?

      In ogni caso:
      1. La verdura SEMPRE, è la base di partenza per ogni pasto (le patate sostituiscono la pasta, non sono da considerare verdura; da preferire le patate dolci americane o quelle viola, ricche di antiossidanti).
      2. Per quanto riguarda il condimento della pasta, mi ricorda se deve anche dimagrire o solo controllare l’insulina?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Il formaggino non è granché dal punto di vista nutrizionale, ma nel contesto di una dieta attenta può certamente concedersela se le piace (pastina integrale! 🙂 ).

    • Chiara

      La ginecologa mi ha detto che che chi ha questo problema di iper insulinemia solitamente è obeso…per cui già questo è un indicatore…io purtroppo fisicamente sono magra e non avrei bisogno di fare una dieta dimagrante…Ma mi tocca stare a dieta a causa dell’insulina alta…sono alta 1.65 e peso sui 58-59kg

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Il fatto di essere magra è un vantaggio, inoltre lei *non* è a dieta, ma è semplicemente importante avere alcune attenzioni (che non riguardano le calorie) nella scelta degli alimenti.

      Tra l’altro l’approccio alimentare che dovrà seguire non è altro che quello di una sana alimentazione, che tutti dovrebbero seguire a prescindere (io mi alimento così); nel suo caso serve solo un po’ di scrupolo in più, ma vedrà che è solo questione di abitudine.

      Per approfondire può partire da questo ebook https://www.farmacoecura.it/alimentazione/, mentre se ha voglia di leggere questo è un approccio un po’ più estremo, ma ancora più efficace nel suo caso: https://www.amazon.it/gp/product/B01N210NIG/

      Premesso che lei NON ha il diabete, l’obiettivo è tuttavia lo stesso.

      In ogni caso ribadisco nuovamente che su alcuni aspetti non c’è completa unanimità tra gli specialisti, quindi in caso di dubbi senta sempre la sua ginecologa.

    • Chiara

      Dice bene ….però mi è sembrato di capire che per evitare che l’insulina salga molto oltre a fare attenzione agli alimenti da evitare…tipo i dolci, pizze, bevande dolci, gelati, cioccolata che devo assolutamente evitare…quelli da preferire devono comunque rispettare certe quantità altrimenti è uguale a prima la situazione…nel senso che ora mangio la pasta integrale ma devo rispettare gli 80gr a porzione…altrimenti eccedendo con i carboidrati…pur seguendo le vostre indicazioni…l’insulina sale ugualmente.
      È vero che come dice lei io non ho il diabete e “non” sono a dieta…però per colpa di questa insulina alta…dovuta alle ovaie micropolicistiche è come se io lo sia purtroppo…e la cosa più triste è che nonostante i tanti controlli ginecologici nessuno mai mi ha detto di questa situazione…L’ho scoperto solo ora a 37 anni! Si figuri che ho fatto 2 anni fa un tentativo di fecondazione, andato male, senza che vedessero se l’insulina stava bene…ovviamente noi non siamo medici…ci affidiamo agli specialisti e alle volte neanche comprendono le situazioni.
      E la cosa peggiore è che ho controllato la curva glicemica del 2017 e avevo 53 di glicemia…nessuna indagine per vedere come staval’insulina…per cui anche questa volta dopo la curva era normale per me sentirmi di nuovo male, visto che ero stata male anche 2 anni fa dopo averla fatta…e fecondazione senza alcuna accortezza!
      Questo è il mio rammarico maggiore…alle volte non è trascuratezza nostra ma inefficienza medica….

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Comprendo il suo rammarico… anche se non è semplice dobbiamo sforzarci di vedere i lati positivi:
      1. Meglio tardi che mai. Scoprirlo a 37 anni anziché, per esempio, a 47 anni, significa poter ancora sperare in una gravidanza e abbattere il rischio di sviluppare diabete.
      2. Come dicevamo prima in realtà TUTTI dovremmo mangiare con queste attenzioni (davvero, non sto esagerando), la diffusione di malattie cardio-metaboliche crollerebbe. Essere costretti a farlo può essere la spinta che ci serve per intraprendere questa strada positiva (anche a livello famigliare).

      Lo so, non è facile trovarsi da un giorno all’altro ad essere obbligato a questo cambiamento (io l’ho affrontato per mia scelta e in modo più graduale, quindi sicuramente in modo più facile), ma dobbiamo fare di necessità virtù.

      Nel mio piccolo rimango sempre a disposizione.

    • Chiara

      È vero ha ragione…grazie mille per il sostegno

  7. Anonimo

    Salve Dottore,
    ho fatto il test POSITIVO il 18 agosto e ora ho appena ritirato le beta che sono 52599,00… tutto bene vero? che settimana sono?
    La ringrazio davvero tanto per la sua consulenza!!
    Buona giornata!!

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Congratulazioni!

      Un valore di beta da solo dice poco, ma sembra tutto OK. Probabilmente è attorno alla settima settimana, ma sarà più chiaro alla prima ecografia.

    • Anonimo

      caro Dottore,
      ho la pressione molto bassa (max 90/95) però in farmacia mki hanno sconsigliato il polase o il supradin così ho preso il magnesio ma non credo basti..
      Secondo, ieri ho avuto una congestione senza svenire ma ci mancava poco e da ieri sono scombussolata come pancia… secondo lei devo andare a farmi vedere o posso stare tranquilla per la mia gravidanza, sono alla nona settimana e per adesso va tutto bene… pressione e nausea a parte. La ringrazio anticipatamente come sempre!

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali al ginecologo, ma tendenzialmente meglio bassa che alta.
      A prescindere dai sali, cerchi di bere molta acqua.

  8. cecilia

    Salve Dott. Cimurro. Io sto cercando una seconda gravidanza. I miei ultimi cicli sono questi.
    15/05/19
    12/06/19
    11/07/19
    03/08/19
    L’ovulazione come ipotesi quando doveva essere ultimo mese?

    Secondo lei quando posso fare il test?

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Per l’ovulazione può aiutarsi con lo strumento che trova ad inizio pagina; farei il test al primo giorno di ritardo, indicativamente nei primi giorni di settembre.

  9. cecilia

    Dott. Buona sera. Volevo chiedere se per il prossimo ciclo per avere ovulazione dovrei contare dall’inizio del ciclo o fine ciclo? Aspetto risposta sia che precedente messaggi. Grazie cordiali saluti buona giornata

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      S’inizia sempre a contare dal primo giorno di flusso abbondante.

  10. cecilia

    Salve Buon giorno dott.cimurro. Sono la ragazza Cecilia. Allora io fatto con il calcolatore con gli ultimi cicli che avevo. L’ovulazione come ipotesi mi dava tra 15 o 17… Prima ho fatto rapporti dal 10 al 22 ogni due giorni. Ciclo assente. Ho fatto clear digital e uno normale pero ho fatto di pomeriggio. Tutti due negativi. Non ho sintomi e nulla. Cosa mi consiglia? Attendo una risposta Grazie e buona giornata.

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Attenda 2-3 giorni e poi provi a ripetere il test.

    • Anonimo

      La ringrazio molto.

  11. Elisa

    Buonasera dottore le scrivo di seguito i miei ultimi cicli
    15/06/2019
    13/07/2019
    11/08/2019
    Aspettavo le rosse l 8/09/2019 ma fino a stamattina tutto normale adesso sul salvaslip da circa un oretta e mezza solo una macchia color marroncino chiaro chiaro ma li era è li è rimasta dopo essere andata in bagno neanche sulla carta igienica può essere che sia spotting oppure ciclo in arrivo grazie buona serata

    • Elisa

      Mi dice che l ovulazione è avvenuta tra il 24 e il 25 agosto

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non c’è modo di saperlo, se non con un test di gravidanza.

    • Anonimo

      Test di gravidanza fatto stamattina ma ha dato esito negativo può essere che non ho ovulato un quei giorni magari più tardi è il livello di hcg nelle urine non viene ancora visualizzato? Del primo figlio il test di gravidanza è diventato positivo solo dopo 5 giorni sempre però con la seconda linea molto molto chiara quasi non si vedeva

    • Dr. Cimurro (farmacista)

      Possiamo sperare, ma senza illuderci. Lo ripeta eventualmente fra 3-4 giorni se nel frattempo non fosse comparsa la mestruazione.

Lascia un commento

  • Test di ovulazione/gravidanza scontati!
  • Poichè tengo molto a risponderti il più velocemente possibile, prima di fare una domanda ti chiedo di verificare che non sia fra quelle più comuni (clicca qui per vederle); in questo modo potrò sveltire il mio lavoro.
  • La tua privacy mi sta molto a cuore, quindi ti consiglio di non usare nome e cognome reali, è sufficiente il nome, un soprannome, oppure un nome di fantasia; rimango a tua completa disposizione per rimuovere o modificare gli interventi inviati.
  • Anche se farò il possibile per rispondere ai tuoi dubbi, mi preme ricordarti che sono un farmacista, non un ginecologo, quindi le mie parole NON devono sostituire od essere interpretate come diagnosi o consigli medici; devono invece essere intese come opinioni personali in attesa di parlare con il tuo specialista.
  • Se pensi che abbia scritto qualcosa di sbagliato, nell'articolo o nei commenti, segnalamelo! Una discussione costruttiva è utile a tutti.
  • Per quanto possibile ti chiederei di rimanere in tema con la pagina, magari cercando quella più adatta al tuo dubbio; se hai difficoltà non preoccuparti e scrivimi ugualmente, al limite cancellerò il messaggio qualche giorno dopo averti risposto.
  • Sono vietati commenti a scopo pubblicitario.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.